Un gruppo di subacquei ha ritrovato nelle acque dell’isola di Tonga il relitto di quella che potrebbe essere una leggendaria nave dei pirati affondata mentre trasportava un prezioso tesoro di lingotti d’oro all'inizio dell'800.

Secondo le cronache dell’epoca, il relitto della Port Au Prince affondò infatti in queste acque a seguito dell’aggressione degli abitanti delle isole, al momento dell’attacco le stive della nave contenevano un tesoro d’oro e pietre preziose che la ciurma di pirati aveva saccheggiato dalle navi inglesi.

La Port au Prince aveva regolarmente navigato per anni nelle acque del Pacifico a caccia di balene, ma nel 1806 il capitano e l’equipaggio decisero di dedicarsi alla più remunerativa attività di pirati attaccando e depredando le altre navi che incrociavano nelle acque dell’oceano.

Quando però la nave arrivò nelle acque dell’isola di Tonga gli isolani, guidati dal re Finau Ulukalala II, massacrarono l’equipaggio e, secondo la leggenda, la nave venne fatta affondare insieme a tutti i tesori che trasportava.

Il relitto, che al momento è stato identificato come quello di della Port Au Prince, è stato trovato al largo della costa dell’isola di Foa, nel territorio dello stato di Tonga.