Tempo di lettura: < 1 minuto

I tagli della spesa pubblica inglese hanno messo a rischio il progetto di creare l’area marina protetta più vasta del mondo nella zona delle isole Chagos, 1.600 chilometri circa a sud del continente indiano, ma la salvezza potrebbe arrivare dalla donazione di uno degli uomini più ricchi del mondo.

I politici inglesi stanno infatti trattando con Ernesto Bertarelli, imprenditore italiano naturalizzato svizzero, il cui patrimonio personale, stimato circa 10 miliardi di dollari, lo colloca al sessantaquattresimo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo: sul tavolo ci sono 3.500.000 di sterline con le quali il magnate italiano potrebbe finanziare la creazione dell’area protetta.

Il parco dovrebbe estendersi su un’area di quasi una quarto di milione di miglia quadrate di mare: 400.000 chilometri quadrati (un’area più vasta dell’Italia) dove sarebbe totalmente vietata qualsiasi attività di pesca commerciale.

E uno dei problemi sui quali rischia di arenarsi questo grandioso progetto sono proprio le proteste degli abitanti dell’arcipelago che, con l’istituzione dell’area marina protetta, vedrebbero venir meno la loro unica fonte di sostentamento: la pesca.
A questo proposito, tra gli accordi che il governo inglese sta stringendo con Bertarelli, ci sarebbe un fondo destinato al sostentamento della popolazione del luogo.

In ogni caso il governo inglese ha accolto molto favorevolmente l’iniziativa del miliardario italiano, auspicando anche che possa essere da esempio per gli altri paperoni che popolano il pianeta.